Maria, Giovanna e la pecora

Questa storia è stata inventata, elaborata e raccontata da due bambine: di 12 anni e 7 anni, che hanno partecipato al workshop 2018 a Portico di Romagna, sui personaggi secondari del presepe.

Maria, all’età di 14 anni, mentre recitava le preghiere della sera, venne visitata da un angelo che le si presentò:

“Salve Maria, io sono l’arcangelo Gabriele, il messaggero di Dio, vengo ad annunciarti che  sposerai un uomo di nome Giuseppe che fa il falegname e presto avrai un figlio che chiamerai Gesù, perché sarà il figlio di Dio.”

Maria non poteva crederci, come poteva avere un figlio se aveva soltanto 14 anni?

Ma dopo poco si accorse che la sua pancia stava crescendo, allora seppe che era vero.

Pensò che doveva avere una coperta per avvolgere Gesù quando fosse nato e chiese alla sua amica Giovanna, che era una tessitrice, se poteva fare una coperta di lana calda per il suo bambino.

Giovanna disse che l’avrebbe fatta molto volentieri, ma che doveva tosare la sua pecora per avere la lana necessaria.

La pecora non voleva essere tosata, il suo pelo le piaceva, era morbido e soffice, inoltre stava per arrivare l’inverno e aveva bisogno di tutto il calore della sua lana per difendersi dal freddo.

Giovanna non sapeva come fare, ma alla fine le venne un’idea. Si ricordò di un posto, vicino al fiume, dove c’era molto muschio.

Vi si recò e raccolse una bella quantità di muschio. Tornata a casa, lo filò, poi si mise al telaio per tessere la copertina che venne morbida, soffice e calda, come se fosse stata di lana.

Anche la pecora voleva fare un regalo a Gesù e pensò che poteva appallottolarsi nella culla per fargli da cuscino.

Il suo pelo era un po’ sporco, Maria e Giovanna la volevano lavare.

Alla pecora normalmente non piaceva di essere lavata, ma lasciò che le due donne la insaponassero e la strofinassero e la asciugassero per amore di Gesù.

Alla fine il suo pelo divenne morbidissimo e caldo.

Quando nacque Gesù, Maria lo depose nella mangiatoia, mise la pecora come cuscinoe la coperta di muschio per coprirlo e lo riscaldò con tutto il suo amore.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email